Filosofia

Forum dove possiamo parlare di filosofia e altro
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  RegistratiRegistrati  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 Nietzsche Vs Marx

Andare in basso 
AutoreMessaggio
TheDruid
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 12
Localizzazione : Liguria
Occupazione/Ozio : Ozio riflessivo
Data d'iscrizione : 22.08.07

MessaggioTitolo: Nietzsche Vs Marx   Mer Ago 22, 2007 10:07 am

Leggendo i post fin ora inviati mi è venuta in mente questa cosa.

Che cosa sarebbe successo se questi due famosi pensatori, che saranno in seguito ricordati come spartiacque tra il moderno e l'"antico" si fossero incontrati? Forse al bar se ne sarebbero dette di tutti i colori, ma se i loro pensieri fossero venuti a contatto?
L'"Ebreo amico della plebe e nemico dell'esser nobile e dell'aristocrazia" contro "L'anticristo esaltatore dei borghesi, di dioniso e delle disparità".
Nietzsche non riserva a Marx nemmeno una capoverso, forse lo considera solo un prete topo di biblioteca, forse un capitolo destinato a chiudersi da se, ma sta di fatto che non gli riserva lo stesso trattamento di Kant, cosa che tralaltro sarebbe stata interessantissima!
Marx a sua volta, non si tuffa nella filosofia, un mare nel quale annegherebbe e non gli consetirebbe di portare a termine la sua opera; si limita a scoppiazzare un po da hegel cambiando le parole, come fanno alle medie con i temi.
Così i due non si toccano mai, e rimane una questione in sospeso, una mancata scintilla di diverbio che genererà quello che poi noi chiameremo :" Filosofia vs Economia", o meglio, Filosofia vs Materialismo (pure dialettico se volete).
Il mancatto contatto da vita a un coesistere tra le due, una simbiosi inversa, che danneggia fortemente entrambe le correnti, e una chiusura tra le due parti, il filosofo non si fa corrompere dal denaro, e il materialista odia quel girarci intorno.
E mentre Marx ingenuamente crede nella possibilità che la filosofia possa crescere in un ambiente materialista atteggiandosi (e transvalutandosi Very Happy ) da filosofo, Nietzsche intravede il problema socialista ma mai lo affronta in giusta misura.
Oh quanto mi sarebbe stato caro un Antisocialista allegato al suo Anticristo! Forse la pazzia non gliene diede tempo, forse siamo noi, che finalmente, come lui auspicava , siamo in grado di comprenderlo, e abbiamo carta e penna per essere almeno per un attimo, Superuomini!

A voi la parola!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Mer Ago 22, 2007 8:18 pm

Penso che i vari "Anticristo" e "Crepuscolo degli Idoli" come anche "Also sprach Zarathustra" siano anche manifesti antisocialisti o contro una politica sociale vicino a quella delle sinistre e quindi del comunismo.
Prendiamo esempio l'accusa contro il pietismo e contro l'idea di comunitarismo dei molti a discapito dei pochi e migliori elementi, questo tipo di politica è vicino a una politica di tipo socialista, avversa alla visione aristocratica e più filosofica di Nietzsche.
Marx studiò filosofia ma la sua iniziativa di applicarla in ambiti non "Assoluti" e sporchi come l'economia e le scienze sociali è sfociata in varie questioni nelle quali si accusa il comunismo di essere povero di filosofia o che il comunismo filosofico (o filosofia del comunismo) non sia vero comunismo.
Comunque anti-hegelismi a parte penso che il dibattito tra i due sarebbe stato aspro. Forse se tra i due ci fosse stato un terzo, esempio Kierkegaard, forse il duello avrebbe avuto conseguenze catastrofiche.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TheDruid
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 12
Localizzazione : Liguria
Occupazione/Ozio : Ozio riflessivo
Data d'iscrizione : 22.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Mer Ago 22, 2007 10:51 pm

Infatti ho detto che Nietzsche si scaglia contro il nascente socialismo, ma non lo sviscera e critica con la stessa veemenza con cui lo fa con il cristianesimo, definendoli si due movimenti profondamente simili, ma non avverte con lo stesso profetismo che ogni tanto lo pervade, la minaccia socialista.
Mi vedo contrario alla tua opinione sul fatto che un terzo come Kierkegaard avrebbe dato al conflitto una svolta catastrofica, forse perchè l'ho sempre visto come un grande pensatore, ma dotato di una quiete nordica che lo rende un ottima lettura per un pomeriggio autunnale, ma non ha abbastanza dinamite in se per essere decisivo.
Tuttavia questo punto mi vede interessato, si apre un ottima discussione su chi potrebbe essere il terzo che rompe la coppia e da la scintilla.
Io un quache esistenzialista non ce lo vedrei male...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Mer Ago 22, 2007 11:18 pm

TheDruid ha scritto:
Tuttavia questo punto mi vede interessato, si apre un ottima discussione su chi potrebbe essere il terzo che rompe la coppia e da la scintilla.
Io un quache esistenzialista non ce lo vedrei male...

A tale scopo però non vedo però personaggi come Sartre e Camus, data la loro inclinazione politica farebbero pendere l'ago della bilancia vistosamente verso uno dei nostri contendenti; non ho ora idea ma chi sarebbe l'esistenzialista che designeresti come terzo fronte?

P.S.

Si è vero che Nietzsche non si scaglia con la stessa veemenza, però lo si può facilmente intuire attraverso alcune parole o frasi che più o meno sono facilmente ritrovabili nel testo e non sempre è così difficile interpretarle in tale chiave.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
smerdjakov
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 25
Età : 30
Occupazione/Ozio : Studente
Data d'iscrizione : 14.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Mer Ago 22, 2007 11:54 pm

Magari un Bergson potrebbe far scaldare l'ambiente, amante della società aperta che rifiuta il materialismo...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
TheDruid
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 12
Localizzazione : Liguria
Occupazione/Ozio : Ozio riflessivo
Data d'iscrizione : 22.08.07

MessaggioTitolo: Nietzsche vs Marx   Lun Ago 27, 2007 11:28 am

E perchè no un Bergson?
Mi sembra una proposta molto interessante... Io non ho specificato il nome, perchè a dir la verità non avevo il coraggio di farlo, sentivo che la corrente che avrebbe potuto asservire gli scopi era quella, lo spirito esistenzialista, ma non è detto che sia così...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Lun Ago 27, 2007 4:59 pm

Vediamo... ...Heidegger? Jaspers? Sartre? Camus? Oppure...
Quale sarà l'Esistenzialista prescelto?

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
MonsieurIvan
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 11
Età : 46
Localizzazione : Roma
Occupazione/Ozio : Le passeggiate senza meta
Data d'iscrizione : 06.10.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Sab Ott 06, 2007 11:32 pm

Nietzsche contro Marx, un pò come dire... "Rocky contro Labbra Tonanti" un po' come dire "Del Piero contro Johan Lomu".
Un pò troppo lontani, come tipologia di scienza, l'uno dall'altro.

Monsieur Ivan

"La promessa di una vita dopo la morte, è la biada con la quale il fattore talato nutre la sua bestia da soma: il popolo dei fedeli"

http://libercogitatio.splinder.com
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://libercogitatio.splinder.com
emmeci
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 39
Data d'iscrizione : 10.08.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Sab Ott 13, 2007 4:17 pm

Piuttosto che ipotizzare un improbabile incontro dei due super-filosofi o profeti della modernità spingendoli a criticarsi l’un l’altro, mi pare importante capire che cosa nel profondo li accosti e li differenzi, cioè che cosa congiunga e divida il loro ideale rivoluzionario. Perché è questo al fondo della questione, quasi giustificando coloro che li vorrebbero mettere a capo delle due correnti rivoluzionarie decisive del ventesimo secolo – marxismo e nazi/fascismo – che a loro volta ripetono, ingigantiscono e banalizzano gli effetti del verbo dei due profeti nella grande storia.
Rivoluzionari? Certo non assimilabili ai rivoltosi, agitatori, idealisti o martiri delle ribellioni passate – neppure ai dannati eroi della rivoluzione francese - ma credenti in qualcosa di più di un rifacimento della società o una trasformazione di idee: piuttosto in una rivoluzione assoluta, come coloro che, costi quello che costi, avrebbero voluto mutare la specie: questo (chiamiamolo pure ideale) che arde nel fondo della loro anima. E tutti e due hanno fallito.
Naturalmente l'ideale non è sorto improvvisamente, ma si pone al culmine di un processo che attraversa i secoli e sembra farsi rovente nel Settecento e nel Romanticismo, con quell’ansia di bruciare il passato, rovesciare la storia, che produce nell’arte e nella cultura sommovimenti che ancora oggi non si esauriscono, anche se finiscono nella ripetizione insulsa e banale e – per quello che riguarda l’arte – nelle ultime velleità di una stremata avanguardia.
Dunque, tutti e due hanno fallito. Come se la mutazione della specie non fosse possibile e non potesse dipendere da un atto di volontà o dall’auto-investitura di maestri e profeti: oggi si direbbe che bisogna cambiare il programma genetico, altro che spargere i semi di una infatuazione moralistica o immoralistica: sì perché entrambi hanno osato pensare che per mutare la specie fosse necessario non solo agitare bandiere e inventare parole d’ordine; non solo agire sulle idee, ma seppellire la moralità dei padri, si chiami moralità borghese o moralità cristiana, fino ad assimilare il concetto dell’atto gratuito o meglio fondendo l'atto gratuito in quello dell’eroe della nuova era, che è per Marx il proletario e per Nietzsche chi sa andare al di là di tutti i valori con la sua volontà di potenza. Del resto, il fallimento di Marx è davanti agli occhi di tutti: l’umanità è stata straziata dal verbo marxista, sono caduti milioni di teste e quello che Marx è riuscito a creare non è un mondo migliore ma un’immensa tragedia, un’apocalisse senza un Cristo risanatore ma un’umanità abbrutita, un’umanità come c’era prima o peggiore e – somma ironia per il suo ideale rivoluzionario – Marx è finito nei libri di storia accanto al corteo degli oppositori e di più o meno grandi, semplici personaggi storici.
E Nietzsche, direte, non è un gigante e un dominatore di secoli? E dov’è, rispondo, la nuova specie auspicata da lui? È il nazismo? O la brulicante, affaristica, ipocrita élite di un XX secolo che sconfina nel XXI moltiplicando la sua avidità di denaro e successo esteriore? È questa l’auspicata trasvalutazione di tutti i valori e il trionfo di una volontà di potenza? E non è finito anche Nietzsche, dopo tutto, nelle enciclopedie e nei filosofici forum?
Sono questi i sogni della modernità e i risultati di un mondo privo di dei? (Ma sia chiaro – lo dico per i fans di Marx e di Nietzsche che si sentiranno punti sul vivo – sono ben lontano dal sottovalutare di fronte alla storia l'importanza di ciò che hanno detto e pensato. E certo, riserverei loro un cospicuo spazio nella mia enciclopedia filosofica).
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.mariocialfi.it
Πα&

avatar

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 13.11.07

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Mer Nov 14, 2007 1:59 am

Heidegger nn fu un esistenzialista
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Fato Avverso
novellino
novellino
avatar

Femmina
Numero di messaggi : 29
Età : 29
Localizzazione : Al centro dell'universo
Occupazione/Ozio : Vita Contemplativa
Data d'iscrizione : 24.06.08

MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   Dom Lug 20, 2008 3:21 pm

emmeci ha scritto:

E Nietzsche, direte, non è un gigante e un dominatore di secoli? E dov’è, rispondo, la nuova specie auspicata da lui? È il nazismo? O la brulicante, affaristica, ipocrita élite di un XX secolo che sconfina nel XXI moltiplicando la sua avidità di denaro e successo esteriore? È questa l’auspicata trasvalutazione di tutti i valori e il trionfo di una volontà di potenza? E non è finito anche Nietzsche, dopo tutto, nelle enciclopedie e nei filosofici forum?
Sono questi i sogni della modernità e i risultati di un mondo privo di dei? (Ma sia chiaro – lo dico per i fans di Marx e di Nietzsche che si sentiranno punti sul vivo – sono ben lontano dal sottovalutare di fronte alla storia l'importanza di ciò che hanno detto e pensato. E certo, riserverei loro un cospicuo spazio nella mia enciclopedia filosofica).

Ma forse non ha fallito, forse non è ancora tempo! Forse "questo enorme avvenimento è ancora per strada e sta facendo il suo cammino: non è ancora arrivato fino alle orecchie degli uomini. Fulmine e tuono vogliono il tempo, il lume delle costellazioni vuole tempo, anche dopo esser state compiute, perchè siano vedute e ascoltate."
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://speculare-utopik.spaces.live.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Nietzsche Vs Marx   

Torna in alto Andare in basso
 
Nietzsche Vs Marx
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Veri o finti depressi??

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Filosofia :: Filosofia :: Filosofia-
Vai verso: