Filosofia

Forum dove possiamo parlare di filosofia e altro
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  RegistratiRegistrati  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 Dostoevskij

Andare in basso 
AutoreMessaggio
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Dostoevskij   Ven Ago 10, 2007 9:28 pm

Cosa ne pensate dell'opera di Dostoevskij?
Dal punto di vista letterale ma anche filosofico?

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Sab Ago 11, 2007 12:38 am

Credo però che anche Il giocatore abbia una sua ragione filosofica, nel senso che mostra l'ardua lotto dell'uomo contro il caso, anche se posta in abito romanzesco penso che l'analisi di natura autobiografica di Dostoevskij abbia un suo peso filosofico relativo al rapporto uomo-destino-caso, per cui l'uomo decide da sé il suo destino sfidando il caso, il protagonista non è abbastanza forte ed egli è vittima del caso portandosi alla rovina per mezzo del gioco d'azzardo nel tentativo, per mezzo di questo, di migliorare la propria aspettativa di vita cercando di vincere la casualità del suo destino.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Sab Ago 11, 2007 1:17 am

Bige ha scritto:
In tutta sincerità il giocatore non l' ho letto. Quanto a I fratelli Karamazov non l' ho menzionato, seppur anch' esso ricco di spunti filosofici, perchè lo sto leggendo adesso e quindi aspetto di finirlo per darne un giudizio.

Se avrai tempo dagli anche un'occhiata a Il giocatore, lo si legge abbastanza rapidamente dato che sono poco più che 200 pagine con introduzione.

Delitto e castigo uno dei più letti romanzi di Dostoevskij è anche uno di quelli con la maggiore carica filosofica, come anche nelle Memorie dal sottosuolo viene anticipato il concetto di inconscio ma sopratutto il carattere alienante della società e del suo potere distorcente sull'uomo e sulla sua esistenza, al punto che per ottenere una salvezza esso deve soffrire commettendo anche atti immorali come appunto è l'assassinio compiuto dal protagonista, Raskol'nikov (notare che Raskol'nikov mostra un'analogo comportamento a quello di Ivan Karamazov de I fratelli Karamazov).

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)


Ultima modifica di il Mar Ago 14, 2007 9:05 pm, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
smerdjakov
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 25
Età : 30
Occupazione/Ozio : Studente
Data d'iscrizione : 14.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Mar Ago 14, 2007 4:18 pm

Proprio ne I fratelli Karamazov avevo notato un particolare che richiamava il pensiero di Nietzsche, il superuomo precisamente, se pur Dostoevskij le mette in bocca al diavolo apparso come allucinazione a Ivàn Karamazov, figura che rappresenta il lato più nichilistico di Ivàn, la dottrina con cui ha intellettualmente soggiogato il giovane Smerdjakov ( Laughing )....

Pensiero che però entra lentamente in crisi in Ivàn, quando il personaggio si trova a fare i conti con i rimorsi di coscienza per la morte del padre, ripudiando Smerdjakov ripudia anche l'insegnamento del "tutto è lecito", del "non esiste Dio".

"Gli uomini si uniranno per prendere alla vita tutto ciò che essa può dare, ma unicamente per la gioia e la felicità di questo mondo. L'uomo si esalterà in un orgoglio divino, titanico, e apparirà l'uomo-Dio."

Proprio queste parole mi hanno ricordato il filosofo tedesco.

Per ora ho letto solo 3 libri di Fedor, non ho un quadro completo del suo pensiero, in più non ho alcuna nozione di critica a riguardo, periò chiedo venia per eventuali strafalcioni.... Very Happy


Mi ha pure colpito molto, ne "I Demoni", la parte del suicidio di Kirillov in cui afferma: "Non capisco: come può aver saputo l'ateo finora che non ci fosse Dio e non essersi ucciso subito?".
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Mar Ago 14, 2007 9:14 pm

[quote="Smerdjakov"]Per ora ho letto solo 3 libri di Fedor, non ho un quadro completo del suo pensiero, in più non ho alcuna nozione di critica a riguardo, periò chiedo venia per eventuali strafalcioni.... Very Happy quote]

Domanda, hai letto le Memorie dal sottosuolo?
Potrei dirti che in esse trovo un'affinità con la poesia di Baudelaire, nel dunciare l'alienazione della città, che fa pecipitare i suoi abitanti fino all'antieroismo del protagonist delle Memorie" che com lo definisce lo tesso Dostoevskij è: un mascalzone, il più abietto, il più ridicolo, il più dappoco, il più stupido, il più invidioso di tutti i vermi della terra.
Differentemente però dal poeta francese il filosofo e scittore russo è un'anticiptore della teoria freudiana, mentre Baudelire denuncia semplicemente la società capitalistica senza apparentemente congliere il lato psicologico della questione (almeno, così ricordo i suoi testi).

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
smerdjakov
novellino
novellino
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 25
Età : 30
Occupazione/Ozio : Studente
Data d'iscrizione : 14.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Mar Ago 14, 2007 9:59 pm

No quel libro non l'ho letto per ora...magari provvederò in futuro, sembra interessante, finora Fedor non m'ha mai deluso...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Mer Ago 15, 2007 6:20 pm

Bige ha scritto:
Per quanto mi riguarda ho trovato molto interessante Memorie del sottosuolo, ma per me non è paragonabile agli altri testi dostoevskijani di ben più alta levatura, parlo de I demoni, Delitto e castigo e I fratelli Karamazov. Comunque vale la pena di leggerlo, specialmente per quel concetto che esprime del "sotterraneo" presente in ogni uomo, che altro non è che quello che freud chiamerà inconscio.

Condivido, gli altri tre romanzi sono stati i suoi capolavori immortali.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Gio Ago 16, 2007 11:58 am

Comunque dal punto di vista filosofico, le 4 opere da noi prima citate sono quelle più importanti, se ben ricordo L'idiota non aveva alcun lignaggio filosofico, almeno ricordo.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Admin
Admin
Admin
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 114
Età : 29
Data d'iscrizione : 26.07.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Ven Ago 24, 2007 3:21 pm

grazie ai vostri consigli mi sono letto Il Giocatore e devo dire che mi è piaciuto molto il modo in cui scrive! PROMOSSO!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://filosofia.forumattivo.com
trismegistus
familiare
familiare
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 285
Localizzazione : Vicino alla Svizzera
Occupazione/Ozio : Studente di Filosofia/Filosofare
Data d'iscrizione : 08.08.07

MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   Lun Ago 27, 2007 1:56 am

Somigliante al buon selvaggio di Rousseau, non contaminato dalla morale e dal pensiero della società e quindi nemmeno schiavo dei suoi vizi e capricci al punto che la sua non può essere definita una vera e propria legge morale o al massimo è buon senso e quindi per questa sua emarginazione dalla società e dal suo vissuto è definito selvaggio.
Un po' come principe Myskin è definito "idiota" per la sua purezza d'animo che implica un'incomprensione (quindi una mancanza) del male e delle malafede delle altre persone.

_________________
Marcet sine adversario virtus
(Lucius Annaeus Seneca minor)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Dostoevskij   

Torna in alto Andare in basso
 
Dostoevskij
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Filosofia :: Altro :: Letteratura & Poesia-
Vai verso: