Filosofia

Forum dove possiamo parlare di filosofia e altro
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  RegistratiRegistrati  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 Giudicare, immaginare significa in realtà annientare?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ale78



Numero di messaggi : 2
Data d'iscrizione : 13.09.13

MessaggioTitolo: Giudicare, immaginare significa in realtà annientare?   Ven Set 13, 2013 10:18 am

Salve mi chiamo Alessio e sono un appassionato di filosofia, in particolare dei contemporanei.
Il titolo della discussione parte da una mia riflessione sul significato autentico dei nostri fondamentali atti di pensiero (giudizio, immaginazione).
A me sembra che qualsiasi giudizio sulla realtà sia di fatto un "annientamento" della realtà giudicata. Mi spiego: se io dico che una cosa è bella, automaticamente ciò implica che NON SIA brutta, ma in questo modo ecco che l'essere della cosa giudicata diventa NON ESSERE! Quindi attraverso il giudizio io faccio sì che le cose non siano, le anniento in pratica.
Allo stesso moto l'atto dell'immaginazione non fa altro che sostituire un essere fisico con un CONCETTO, ad esempio se immagino una casa di fatto nella mia mente "anniento" la casa reale e la sostituisco con qualcos'altro di puramente mentale.
Quindi l'attività di pensiero è riconducibile in pratica alla negazione dell'essere, quindi al Nulla?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Giudicare, immaginare significa in realtà annientare?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cerco La Famiglia una realtà complessa, Esame di Pedagogia, Volpicella
» Bacio accademico: realtà o leggenda?
» NON GIUDICARE MAI ...
» Che cosa significa essere liberi?
» Trasporto in conto proprio: iscrizione all'albo obbligatoria?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Filosofia :: Filosofia :: Filosofia-
Vai verso: