Filosofia

Forum dove possiamo parlare di filosofia e altro
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  RegistratiRegistrati  GruppiGruppi  Accedi  

Condividi | 
 

 qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
enigma



Numero di messaggi : 1
Data d'iscrizione : 07.09.10

MessaggioTitolo: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Mar Set 07, 2010 9:29 pm

Sempre, mi chiedo: qual' è il senso della nostra esistenza?
Quello di vivere travolti, senza alcuna dignità, dalle correnti di pensiero imperanti in un certo momemento storico o quello di ricercare dignitosamente, con impegno e fatica, la serenità e la pace interiore?
Ciao Enigma
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Piske
novellino
novellino


Femmina
Numero di messaggi : 11
Età : 24
Localizzazione : dovunque e da nessuna parte
Occupazione/Ozio : studente (filosofa nel tempo libero)
Data d'iscrizione : 12.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Dom Giu 12, 2011 11:57 pm

Secondo me, il senso della vita è un continuo migliorare. Ti faccio un esempio: dal concepimento alla nascita sei passato dalla non esistenza all'esistenza. Nei nove mesi necessari, ti sei preparato a nascere. Con il parto sei passato dall'esistenza come parassita in un corpo altrui ad un'esistenza come essere autonomo. Quindi perchè la nostra esistenza, la nostra vita, non dovrebbe essere tesa ad un ulteriore miglioramento attraverso la morte?
Sappimi dire che ne pensi, sono curiosa di conoscere il tuo punto di vista.
Ciao.

Piske
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
zapotek
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 12
Età : 25
Localizzazione : Torino
Occupazione/Ozio : studente
Data d'iscrizione : 25.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Sab Giu 25, 2011 8:29 pm

Questa domanda è sempre stata un grande cruccio per l'uomo, ne hanno parlato i più grandi filosofi e sono giunti a risposte totalmente differenti tra loro. Tra le due opzioni che hai indicato tu credo che la più plausibile sia la seconda. Io ad ogni modo credo che non si possa dare una risposta universale a questa domanda. Il senso dell'esistenza è soggettivo poiché siamo noi stessi che dettiamo il senso della nostra esistenza. Per arrivare a fare ciò dobbiamo distruggere i valori su cui ci basiamo a priori, il filosofo Nietzsche chiamò questa fase nichilismo, fase in cui si rischia di sprofondare nel nulla e in un senso di angoscia causato dalla mancanza di punti fissi da seguire. Per sconfiggere il nichilismo ovvero dare un senso alla vita occorre armarsi di pazienza e guardare dentro noi stessi, ricercare in noi cosa ci rende davvero felici, trovare ciò per cui secondo noi vale davvero la pena di esistere e non è escluso che ciò possa cambiare nel corso della nostra vita.
Spero di essere stato di aiuto!=)
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Mer Giu 05, 2013 4:05 am

Lo scopo di ogni essere umano è tornare a DIO nel mondo spirituale dove regna la pace e la felicità assoluta . Finché ci
ostiniamo a godere dei nostri sensi dobbiamo rimanere nel mondo materiale e soffrire di problemi e malattie vita dopo vita , a volte esseri umani , a volte animali .
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
zapotek
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 12
Età : 25
Localizzazione : Torino
Occupazione/Ozio : studente
Data d'iscrizione : 25.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Mer Giu 05, 2013 9:07 pm

Innanzitutto dipenda cosa intendi per Dio, inoltre Dio senz'altro non può essere una risposta universale al quesito dell'esistenza in quanto in Dio si può solo credere o non credere senza mai poterne avere un riscontro empirico. Poi dai per scontato che esista un ciclo di reincarnazioni dopo la vita oltre che l'esistenza di un'essere metafisico.
La serenità e la pace interiore si possono perseguire anche attraverso i sensi da cui si determinano le nostre emozioni e i nostri stati d'animo. Ad esempio l'amore è un sentimento che si basa sulla percezione di certi vissuti di una parte della nostra vita insieme ad un'altra. La serenità si raggiunge attraverso la relazione tra varie emozioni positive, è chiaro che è una condizione che non può essere eterna, ma, dopotutto, l'eternità non è cosa umana.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Mer Giu 05, 2013 11:10 pm

Come un governo regola i cittadini con le leggi dello stato e se le violi finisci in carcere, similmente DIO,la persona suprema,è il creatore e beneficiario di ogni cosa (stelle , pianeti , galassie , universi , esseri viventi),e li regola grazie alle Sue leggi della natura,e chi le viola è costretto a soffrire vita dopo vita . Se volete tornare a essere felici dovete diventare devoti di DIO come Gesù ,Padre Pio o Buddha ecc.....
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
zapotek
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 12
Età : 25
Localizzazione : Torino
Occupazione/Ozio : studente
Data d'iscrizione : 25.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Gio Giu 06, 2013 10:45 am

Bhe c'è un sacco che è devota a Dio eppure non è felice, inoltre, ad esempio un frate che ha preso la cintura di castità nega un istinto di una natura creata da Dio. La devozione in Dio non è detto che ci renda felici, tanto meno che ci garantisca l'esistenza di un al di là, è un po' come dire a un bambino che Babbo Natale passa dal camino a portare i doni. Non è un caso che i più ferventi religiosi, o meglio, quelli che vanno più spesso in chiesa sono persone di una certa età, perché a loro serve quest'illusione in modo che possano sperare che la loro vita non finisca con questa. Inoltre Buddha non crede in Dio!!!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Sab Giu 08, 2013 8:45 pm

Servizio devozionale significa adorare DIO per tutta la vita , non 10 minuti al giorno . La reincarnazione è automatica che ci credi o no , altrimenti come spieghi tutta la diversità nelle condizioni umane : ricchi , poveri , grassi , magri , bianchi , neri ecc...?
Ognuno raccoglie ciò che semina . Certo che Buddha adorava il Suo DIO altrimenti non sarebbe mai diventato l'illuminato .
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
zapotek
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 12
Età : 25
Localizzazione : Torino
Occupazione/Ozio : studente
Data d'iscrizione : 25.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Dom Giu 09, 2013 7:25 pm

Bhe pensi che i frati che portavano il cilicio fossero felici? Ne dubito. Ricchezza e povertà dipendono dalle azioni che svolgi nella vita attuale come l'essere magro o grasso, gli attributi degli uomini non hanno nulla a che fare con la reincarnazione. La differenza nel mondo si spiega perché il mondo e grande e le variabili ovvero le cause che influenzano i nostri modi di agire sono infinite. Ingrassiamo perché mangiamo tanto o perché abbiamo problemi di metabolismo o di salute e così vale per il resto. Buddha riteneva che credere in Dio fosse irrilevante nei confronti del raggiungimento della felicità, inoltre adorare il proprio dio non rende automaticamente illuminati.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Lun Giu 10, 2013 10:43 pm

Se credi che una persona buona , quando muore , riceve lo stesso trattamento di una persona cattiva non ha senso , non è logico. Che senso avrebbe fare del bene o del male se poi quando muori ricevi lo stesso effetto ?La reincarnazione dice :se causi
del bene sarai premiato e migliori la tua condizione , se causi del male sarai punito e peggiorerai la tua condizione . Questo ha senso , questo è logico , questa è giustizia universale . Adorare cause diverse provoca effetti diversi .Nessuno , in questo mondo materiale , prova la vera felicità , neanche il ricco più ricco . La vera felicità si prova soltanto con la conoscenza spirituale non con quella materiale . Poi tu dici : " ....le cause che influenzano i nostri modi di agire ...." Sono contento perché hai formulato una
fantastica legge della natura ; causa ed effetto , per ogni causa esiste un effetto , tradotta in : se causi del bene ricevi del bene , se causi del male ricevi del male . È la legge base della reincarnazione . Questa meravigliosa legge della natura è universale perché
ogni cosa è soggetta a lei . Ogni cosa , esseri viventi , sole , luna , terremoti , nuvole producono delle cause che inevitabilmente
devono produrre degli effetti . Non può esistere causa senza effetto , è una legge perfetta , percui se qualcuno o qualcosa provoca una causa nell' istante della morte , questa causa deve produrre inevitabilmente un effetto . Non si può arrestare questa legge perfetta , nessuno è in grado di farlo neanche la morte .





Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Lun Giu 10, 2013 10:54 pm

.........continua , come detto sopra la legge causa e effetto calza a pennello con la reincarnazione . Se una persona si dedica anima e corpo al servizio devozionale senza riserve raggiunge il mondo spirituale e illuminazione (causa e effetto),è ovvio che se Lo pensi ogni tanto non raggiungerai mai l'illuminazione e il mondo spirituale . Diverse cause per diversi effetti .
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
zapotek
novellino
novellino


Maschio
Numero di messaggi : 12
Età : 25
Localizzazione : Torino
Occupazione/Ozio : studente
Data d'iscrizione : 25.06.11

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Mer Giu 12, 2013 10:45 am

Allora, il rapporto causa-effetto ovvero il principium individuationis ha senso solo se è considerato nello spazio e nel tempo, bene e male sono dei concetti propri del pensiero dell'uomo e ne sono esclusi. Il bene ed il male sono solo dei preconcetti che abbiamo fondati dalla cultura in cui viviamo. Dio se esistesse sarebbe totalmente indifferente ai nostri concetti di bene e male in quanto concetti umani e non divini. Tu parli di legge universale perché non riesci a renderti conto che il mondo è dominato dal caos, non esiste nessun principio metafisico che faccia reincarnare le persone a seconda di come si sono comportate nella vita. Quello che tu dici essere un principio logico non è logico in alcun modo, per essere logico un principio ha bisogni di premesse valide a priori ed il bene e il male non lo sono poiché non hanno significato universale ma soggettivo. I rapporti di causa effetto valgono solo per il mondo sensibile e per il principio di individuazione, il pensiero, la morale, la razionalità...ne sono fuori. I rapporti causa effetto valgono solo in termini fisici e non per risposte emotive come i concetti di bene e male. Se qualcuno fa qualcosa è vero che avrà una causa ma unicamente nel mondo fisico questa sarà oggettiva e valida universalmente, da un punto di vista morale essa avrà interpretazioni diverse, bene e male non sono nè dimostrabili nè tanto meno definibili, ma sono solo valori a cui si possono dare interpretazioni diverse pertanto non elevabili a leggi universali.
Dopo la morte non c'è nulla, il nostro corpo si disgregherà come la nostra mente e le nostre molecole andranno a nutrire altri esseri viventi e così continuerà il ciclo della vita, attraverso la nascita e la morte di enti differenti.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
robybea
novellino
novellino


Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.06.13

MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   Gio Giu 13, 2013 6:48 pm

Ok , va bene !!! Tu credi nella teoria del caos , credi che tutto sia caotico e che ogni cosa ed essere vivente esistita nel caos !!!
Comunque non voglio ne speculare ne far competizioni filosofiche , voglio semplicemente rendere più serena la gente , in modo che sappia come alleggerire il fardello che porta sulle spalle . Ma se questo non rientra nei tuoi desideri nessun problema , sei tu
l ' unico responsabile dei tuoi pensieri e azioni no ?
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?   

Torna in alto Andare in basso
 
qual' è il nostro ruolo nell' esistere in vita?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il ruolo delle TIC nell'integrazione di alunni disabili
» SPIRITO GUIDA ED ANGELO CUSTODE - QUAL E' LA DIFFERENZA?
» Relazioni finali, relazioni anno di prova, relazioni tutor e FS: dubbi, consigli, richieste, informazioni: chiedere qui!
» LE DONNE NELL'EUROPA MODERNA di M. E. Wiesner
» Immissione in ruolo su un handicap, poi assegnata verbalmente su altri handicap.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Filosofia :: Filosofia :: Filosofia-
Andare verso: